Come migliorare la qualità dell’aria nelle proprie abitazioni?

in Settembre 15, 2020
In un periodo delicato come quello che stiamo vivendo, dovremmo dare un occhio di riguardo la qualità dell’aria che giornalmente respiriamo.

Tutti noi siamo alla costante ricerca di un luogo dove trascorrere dei giorni, magari al mare o in montagna, dover poter respirare aria pulita.

Ma se potessimo respirare aria pulita anche nelle nostre case?

Non tutti ne sono a conoscenza, ma anche nelle nostre case sono presenti alcune sostanze dannose. Parlo dei COV (Composti organici volatili).
Fanno parte di questa macro classificazione le sostanze emesse dai prodotti per la pulizia della casa, per l’igiene personale, i fumi della cucina, i fumi dei camini; e da fonti esterne quali fumi di riscaldamento e sostanze nocive emesse da combustibili automobilistici.
Quindi, la qualità dell’aria nelle nostre abitazioni non è pulita come ci si potrebbe aspettare, e i COV possono diventare causa di fastidio a gola ed occhi, ma possono, nei peggiori casi, portare allo sviluppo di patologie ben più gravi.

Ovviamente verrebbe da chiederci come potremmo arginare il problema, di certo non possiamo rinunciare al riscaldamento, a pulire casa o a prepararci un pasto.
Un buon metodo per combatterlo può essere favorire la ventilazione degli ambienti tramite l’apertura dei serramenti della casa permettendo l’ingresso dell’ossigeno e l’espulsione, seppur parziale, dei COV.

Dal mondo dei serramenti arriva una soluzione efficace, i sistemi di ventilazione controllata.


Questo sistema integrato nell’infisso consente un ricambio periferico dell’aria all’interno di tutta la casa.
Questo sistema permette il ricircolo d’aria quando lo si desidera anche in un solo ambiente, riuscendo così a risparmiare energia.
Questo sistema permette di ricambiare l’aria recuperando fino al 93% del calore che si disperderebbe aprendo le finestre.

Un sistema efficace per risolvere i problemi dei COV, permettendoci di espellere l’aria viziata, e dare un’occhio di riguardo alla nostra salute.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *